DOMANI 9 AGOSTO MANIFESTAZIONE NO MUOS A NISCEMI

Domani, sabato 9 agosto 2014, a Niscemi è in programma una nuova manifestazione dei comitati che si oppongono al MUOS ormai definitivamente completato e, a quanto pare, in fase di test.

Nella giornata di ieri, 7 agosto, intorno alle ore 22.00, sette attivisti, dopo aver tagliato un tratto della recinzione hanno effettuato una incursione all’interno della base arrampicandosi su tre tralicci intenzionati a stazionarci il più possibile. Almeno un centinaio di attivisti nel frattempo sono entrati nella base sostando in prossimità dei tralicci occupati. Si tratta in sostanza della riedizione dell’occupazione andata in scena l’estate scorsa nella stessa base USA.

nomuostraliccio

In questi ultimi giorni, la Questura e la Magistratura, hanno tentato di intimorire il movimento (che ha anche subito il danneggiamento del Presidio) emettendo ben 29 fogli di via e divieti di dimora. Con questa nuova azione i NO MUOS vogliono dimostrare non solo di non aver paura ma che i divieti possono infrangersi.

Riportiamo di seguito il comunicato degli attivisti che si trovano sulle antenne:

QUESTA VOLTA VOGLIAMO TUTTO IL DIRITTO DI VIVERE IN PACE

Dall’alto di queste antenne contempliamo la bellezza della sughereta, dell’alba e del tramonto, la luna e l’abbondanza della natura.La vista delle parabole, delle antenne e l’aridità della base ci fa percepire tutta la bruttezza della guerra. Si tratta di strumenti orribile che servono a uccidere, bombardare, creare sofferenza, mutilazione, paura, morte.

Noi oggi decidiamo di restare a oltranza, su queste antenne diaboliche e maligne, perché vogliamo liberare il pianeta, la Sicilia, la sughereta da un pezzo importante di questo incubo. Amiamo la libertà, ma siamo disposti ad affrontare l’orrore del carcere pur di ottenere una vera liberazione dalla logica e dalla logistica della guerra. Soprattutto questa volta siamo determinati a ottenere tutto.

1. Lo smantellamento della base e la sua riconversione in centro internazionale per l’accoglienza, la solidarietà e la pace.

2. Il trasferimento del denaro per gli F-35 per progetti sociali ed ecologici elaborati dal basso.

3. La fine della collaborazione militare e commerciale con Israele, da poco condannato per violazione dei diritti umani, fino a quando si arrivi a una soluzione giusta e condivisa tra Israele e Palestina. Il blocco delle vendite di aerei e armi da combattimento da parte delle nostre fabbriche a tutti i paesi violatori di diritti umani.

4. La conversione del denaro e degli sforzi militari e polizieschi (Marenostrum, Cie, Cara) usati per solo per rinchiudere migranti e deportarli, creando e rendendo operativo da subito un piano di accoglienza solidale e diffuso che preveda il salvacondotto consolare europeo per i migranti che scappano da guerre e dittature, dando l’esempio agli altri paesi.

Questo è fare politica. Il Movimento No Muos crede in soluzioni pratiche, umane e solidali per il benessere collettivo e per la salute di madre terra (come la chiamano gli indigeni delle Americhe). Fino ad adesso il Parlamento, il Governo e la Presidenza della Repubblica hanno ignorato il problema della guerra e si sono rifiutati di interloquire con il Movimento. Noi oggi chiediamo un cambiamento e lo domandiamo a partire da richieste precise e concrete. Ai compagni e alle compagne, ad amici e parenti, a tutte le persone che amano la pace, la libertà e la terra domandiamo: vogliamo veramente mettercela tutta per fermare l’orrore e creare la bellezza?

Gaza brucia, bambini e grandi vivono e muoiono nella disperazione della guerra. Militari di tutto il mondo giocano e interpretano il ruolo dei boia perdendo l’umanità nelle loro divise. In solidarietà al popolo palestinese abbiamo colorato simbolicamente il nostro corpo di rosso.

Per liberarci dalla rassegnazione e ribellarci alla guerra, se lo vogliamo, il momento è ora, Il momento è qui: a Niscemi. Siamo qui a riprenderci la terra per terminare questo stupro fatto alla sughereta e rifertilizzarla con alberi e allegria. Ora è il momento di ottenere tutto. Ora vogliamo il diritto di vivere in pace.

Ai giudici e ai magistrati che vogliono veramente esercitare un’azione di giustizia, chiediamo di appoggiare quest’azione e tutte le azioni di liberazione della sughereta e della terra dalla guerra. Chiediamo di desistere dalla bieca applicazione di leggi lontane dal rendere giustizia nei confronti di popoli oppressi che vogliono una libertà vera.

Fonti:

http://www.infoaut.org/index.php/blog/no-tavabenicomuni/item/12493-sette-nomuos-occupano-le-antenne

http://www.linksicilia.it/2014/08/i-militanti-no-muos-hanno-occupato-la-base-militare-di-niscemi/

A. Roberto

Annunci

NO MUOS: MANIFESTAZIONE IN CONTRADA ULMO

«Per la prima volta marciamo con le tre antenne già installate, rivendicando che queste antenne debbono essere immediatamente smantellate …»


03

Niscemi. Nel pomeriggio di oggi (1° marzo 2014) circa 2.000 persone, sfidando i divieti della Questura di Caltanissetta, hanno marciato verso i cancelli della base della Marina Militare statunitense in Contrada Ulmo a Niscemi, per protestare nuovamente contro il MUOS, il sistema di comunicazioni satellitari del Dipartimento della Difesa americana.
Non sono mancati momenti di tensione con scontri con le forze dell’ordine in coda al corteo.

0201

La manifestazione si è mantenuta pacifica fino a quando la testa del corteo, giunta, davanti al cancello n° 1 della base, ha tentato di forzare il blocco del reparto mobile. Negli scontri una dimostrante è rimasta ferita al volto ed un agente ha riportato la frattura del setto nasale.

04

Successivamente il corteo ha cambiato direzione, dirigendosi verso una collinetta dalla quale si possono vedere le parabole del MUOS. È tornata la calma ma la tensione è rimasta alta fino al termine della manifestazione.

Da Washington, intanto, il Pentagono annuncia ufficialmente che entro il 2017 il MUOS di Niscemi sarà operativo. Nel 2015 sarà lanciato il satellite e subito dopo inizieranno gli esperimenti e via via l’impianto funzionerà a pieno regime. Secondo gli esperti americani non esistono rischi per la popolazione, anzi un telefonino o un forno a microonde procurerebbero più danni di una sola di quelle gigantesche parabole puntate verso l’alto. Tant’è vero che in Virginia (Norfolk), Australia (Geraldton) e Hawaai (Wahiawa), affermano gli esperti, nessuno se ne lamenta. Ma a Niscemi la popolazione non ci sta anche in base agli studi eseguiti dal Prof. Massimo Zucchetti del Politecnico di Torino e dal fisico Massimo Coraddu.
Anche il Governo USA lancia un’offensiva mediatica ospitando i giornalisti delle testate italiane e siciliane per dimostrare che il MUOS non è pericoloso.

Il 27 marzo nuovo appuntamento davanti al TAR di Palermo dove i Comitati attenderanno una risposta positiva sull’istanza di revoca della concessione di costruzione delle parabole.

A.R.

ULTIMATA LA REALIZZAZIONE DEL MUOS DI NISCEMI

1186133_10152196048187726_1245469724_n

Dopo la “revoca della revoca” con cui il 24 luglio scorso il Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta autorizzava la prosecuzione dei lavori del MUOS (Mobile User Objective System) nella sughereta di Niscemi, si è verificato quello che tutti temevano.
Tra il 24 e il 26 gennaio 2014, in tutta fretta, con gli operai che lavoravano giorno e notte, gli USA portano a termine il loro programma militare in Sicilia, issando le tre parabole del sistema di comunicazione satellitare.

1493219_10152644678028636_758215460_n

Dopo anni di proteste, ricorsi, perizie e studi il gigante USA, con la complicità delle istituzioni italiane, più preoccupate di irretire l’alleato che di difendere la popolazione, ha avuto la meglio sul popolo siciliano.
Popolo siciliano che però non si arrende. Infatti, il Coordinamento Regionale dei Comitati No MUOS ha indetto per il 22 febbraio una giornata di mobilitazione nazionale che prevede un sit-in davanti alla Prefettura di Caltanissetta per protestare contro i provvedimenti repressivi messi in atto contro gli attivisti No MUOS e per ricordare al Governo italiano l’incostituzionalità del MUOS mentre per il 1° marzo è in programma una manifestazione popolare.

Secondo la comunicazione ufficiale dell’ambasciata statunitense «il sito non è operativo e non lo sarà ancora per molti mesi. Ci stiamo coordinando con il Ministero della Difesa e con l’Arpa Sicilia per sviluppare un sistema di monitoraggio del sito». Prima di entrare in funzione il sistema dovrà essere sottoposto ad un periodo di test e solo dopo che il Ministero della Difesa darà l’ultimo via libera potrà essere completamente operativo (si presume verso novembre 2014).
Sempre secondo gli USA «ci vorranno diversi mesi per essere assolutamente sicuri che non sono presenti dei rischi, ma i test realizzati in precedenza dimostrano già che la popolazione non ha nulla da temere».

Roberto Abis

MANIFESTAZIONE A NISCEMI. GLI ATTIVISTI NO MUOS VIOLANO LA BASE USA

003

10 AGOSTO 2013 – di Roberto Abis

Gli attivisti NO MUOS, che nei giorni scorsi hanno incassato la solidarietà di venti intellettuali americani che hanno chiesto al Presidente Obama di bloccare l’installazione del MUOS di Niscemi in quanto «il progetto MUOS e la militarizzazione della Sicilia non sono nell’interesse dei cittadini e delle cittadine americani», hanno manifestato il giorno 9 agosto il loro dissenso contro l’installazione della stazione di comunicazione satellitare della Marina militare USA in contrada Ulmo.
Una manifestazione che si è mantenuta pacifica fino a quando il corteo non è giunto nei pressi dei cancelli della base. Qui i manifestanti sono venuti in contatto con le forze dell’ordine e oggi la Procura della Repubblica di Caltagirone ha aperto un’inchiesta: i reati ipotizzati sarebbero resistenza e violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento. I manifestanti, dopo aver sfondato il cordone delle forze dell’ordine, hanno divelto circa un chilometro di recinzione e sono entrati all’interno della base con l’intenzione di portare fuori i loro compagni che si erano introdotti la sera precedente (8 agosto) ed arrampicati su alcune antenne: «Oggi violazione vera e reale della base americana MUOS – afferma uno degli attivisti – Storico. Mai accaduto agli USA in Europa. Siamo entrati in mille attivisti NO MUOS usando solo i corpi e le cesoie».

Anche il Presidente della Regione Rosario Crocetta, che alcuni giorni fa ha denunciato infiltrazioni mafiose tra i manifestanti, aventi lo scopo di bloccare i lavori, è intervenuto dalla sua pagina Facebook rivolgendo un appello alle organizzazioni NO MUOS esortandole «a riprendere il dialogo e il confronto ed evitare che accadano ulteriori episodi di violenza, per niente belli in un paese civile e democratico».
«Ho impedito in tutti i modi l’installazione del MUOS a Niscemi, sia quand’ero parlamentare europeo sia da presidente della Regione» afferma Crocetta. «Da parlamentare europeo mi è stato risposto che le direttive comunitarie in materia ambientale non si applicano per i siti di rilevanza strategica militare, da presidente ho fatto molto di più: ho revocato l’autorizzazione data dai precedenti governi nazionale e regionale per l’installazione dell’impianto per una sola questione di competenza regionale, quella della valutazione ambientale. Quando l’Istituto Superiore di Sanità ha dichiarato che il MUOS non supera i limiti di emissione previsti dalla legge, il governo siciliano non ha avuto altra scelta che rispettare la legge, a meno di non commettere reati penali ed esporre regione a un risarcimento danni di 18 miliardi dollari».

images (2)

«Qualche gruppo che mi attacca – afferma Crocetta – mente sapendo di mentire, perché sa che oggi, quella del MUOS, è una vicenda nazionale e che le decisioni possono prenderle il governo nazionale e il Ministero della Difesa. Eppure tali gruppi non hanno presentato, fin ora, alcuna richiesta al Ministro della Difesa chiedendo di rivedere l’installazione, come dire: demagoghi in piazza e reticenti in parlamento. Tale scorrettezza istituzionale e politica non si illudano non venga compresa dal popolo siciliano, che sa benissimo quale sia la posizione del presidente della Regione e del governo. I “duri e puri” rivolgano altrove la loro attenzione, facciano il proprio dovere e si distacchino da manifestazioni violente perché non è trasformando Niscemi in un’arena di violenze e scontri che si risolve la situazione, ma affrontando un dialettico e democratico confronto col governo nazionale. D’altra parte, alcuni sono gli stessi che anche in presenza di una revoca notificata dal governo regionale, che aveva ratificato la richiesta di 25 mila euro di danni al giorno nei miei confronti, continuavano a dire che non era vero che avevo revocato le autorizzazioni per il MUOS.
Inoltre sarebbe opportuno, specialmente quando si protesta, chiedersi sempre con chi si sta accanto. Il governo regionale non ha alcuno strumento normativo per disciplinare o negare l’autorizzazione all’impianto militare già autorizzato dal precedente governo, definito dal Ministero di rilevante importanza strategica per la difesa. Faccio appello alle organizzazioni NO MUOS di riprendere il dialogo e il confronto e di evitare che accadano ulteriori episodi di violenza, per niente belli in un paese civile e democratico».

MUOS: LA GIUNTA REGIONALE ANNULLA LA REVOCA DELLE AUTORIZZAZIONI DI COSTRUZIONE

MUOS: LA GIUNTA REGIONALE ANNULLA LA REVOCA DELLE AUTORIZZAZIONI DI COSTRUZIONE

Articolo di Roberto Abis

Il 24 luglio 2013, il giorno prima del giudizio del CGA (Consiglio di Giustizia Amministrativa), il Presidente della Giunta Regionale Siciliana, Rosario Crocetta, con una nota inviata al Ministero della Difesa, annuncia l’annullamento della revoca delle autorizzazioni relative alla costruzione del MUOS di Niscemi.
Recita la nota:

Visto lo studio pervenuto a questo Dipartimento (Ambiente) in data 19 luglio 2013 dall’Istituto Superiore di sanità; studio che perviene alle seguenti conclusioni “I risultati delle misure sperimentali effettuate dall’ISPRA indicano che tutti i limiti della legislazione italiana in materia di protezione della salute umana dai campi elettromagnetici sono attualmente rispettati in larga misura … Non sono prevedibili rischi dovuti agli effetti noti dei campi elettromagnetici, e anche nell’ipotesi poco probabile di un puntamento delle antenne paraboliche a livello del terreno, o comunque nella direzione di persone che potrebbero essere esposte al fascio principale, si ritiene che tali rischi possano essere considerati del tutto trascurabili. Per quanto riguarda le possibili interferenze su apparecchi elettromedicali, non sono prevedibili particolari problemi connessi alla messa in funzione delle antenne MUOS … I bassi livelli emessi dall’antenna MUOS… non indicano infine la possibilità di malfunzionamenti di tali dispositivi”.

Per questi motivi, considerato che lo studio soddisfa anche le richieste contenute nella mozione dell’ARS n° 2 dell’8 gennaio 2013 e ritenuto che non sussistono più i presupposti per l’applicazione del “principio di precauzione” si revocano gli atti di revoca n° 15513 e n° 15532 emessi in data 29 marzo 2013.
Ma i cittadini non ci stanno e annunciano nuove proteste. E infatti già la sera del 24 luglio occupano l’aula consiliare del Comune di Niscemi chiedendo le dimissioni del Governatore Crocetta e degli assessori Lo Bello e Borsellino.
Intanto i legali del Movimento NO MUOS, Nello Papandrea e Paola Ottaviano, nell’udienza al CGA del 25 luglio ribadiscono l’illegittimità dell’atto di ritiro della revoca delle autorizzazioni sostenendo che «è singolare che un funzionario regionale, sia pure col massimo rango dirigenziale (trattasi dl Dottor Gaetano Gullo dirigente generale del Dipartimento all’Ambiente), possa dichiarare decaduto il principio di precauzione. Specie a fronte dell’ordinanza del TAR del 9 luglio scorso che si appella proprio al principio di precauzione per al tutela della salute dei cittadini, ritenuta preminente sopra ogni altro aspetto».
Al giudice amministrativo i legali hanno sottolineato che esisterebbero gli estremi per bloccare non solo l’annullamento della revoca delle autorizzazioni a costruire ma i lavori stessi essendo scaduta in data 18 giugno 2013 l’autorizzazione paesaggistica. Senza l’istruzione di un nuovo iter autorizzativo da parte della Regione, la Marina USA non potrà riavviare i lavori all’interno della base sita all’interno di una’area protetta SIC (Sito di Interesse Comunitario), la cosiddetta “Sughereta” di Niscemi. Ogni opera che gli USA realizzeranno senza un nuovo iter dovrà essere considerata abusiva.

MUOS: PER L’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’ NESSUN RISCHIO

MUOS: PER L’ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’ NESSUN RISCHIO

Articolo di Roberto Abis

Il 9 luglio 2013 il TAR di Palermo (l’ordinanza è reperibile al seguente indirizzo http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Palermo/Sezione%201/2013/201300950/Provvedimenti/201300470_05.XML) rigetta il ricorso del Ministero della Difesa italiana contro la revoca delle autorizzazioni (concesse dall’amministrazione Lombardo) per la realizzazione del MUOS di Niscemi imposta dal governatore Rosario Crocetta. La Giunta Regionale, però, subordinò la decisione finale sul via libera all’impianto della Marina Militare USA all’esito della Commissione di esperti insediata all’Istituto Superiore di Sanità.
Ebbene l’esito di tale studio è stato reso noto alcuni giorni. L’11 luglio, si è tenuta l’ultima riunione del Tavolo Tecnico sul MUOS presso l’Istituto Superiore della Sanità in Roma. Come da verbale della riunione, i lavori si sono conclusi con un Rapporto dell’ISS (reperibile al seguente indirizzo https://docs.google.com/file/d/0Bx7LkTDLpiaDWDVhcXFoZHREUm8/edit?pli=1) al quale era allegato una Nota-Rapporto (reperibile al seguente indirizzo http://blog.ilmanifesto.it/scienziato/files/2013/07/Relazione-degli-esperti-nominati-dalla-Regione-Sicilia-3.0.pdf) di otto pagine da parte degli esperti nominati dalla Regione Sicilia, Mario Palermo e Massimo Zucchetti, che dissentivano su parte delle conclusione del ISS, specialmente sulla questione della pericolosità del MUOS e della valutazione dei campi elettromagnetici della base NRTF.
Il 12 luglio, l’ISS ha consegnato il Rapporto – con l’allegato e il verbale – ai committenti: Presidenza del Consiglio, Ministero della Salute, Regione Sicilia. Anche il Ministero della Difesa ha ricevuto il Rapporto, con il verbale e gli allegati.

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità «i risultati delle misure sperimentali effettuate dall’Ispra – sulle antenne del sistema Muos degli Usa a Niscemi (Caltanissetta) – indicano che tutti i limiti previsti dalla legislazione italiana in materia di protezione della salute umana dai campi elettromagnetici sono attualmente rispettati in larga misura».
Secondo lo studio «non sono prevedibili rischi dovuti agli effetti noti dei campi elettromagnetici e anche nell’ipotesi, poco probabile, di un puntamento delle antenne paraboliche a livello del terreno, o comunque nelle direzioni di persone che potrebbero essere esposte al fascio principale, si ritiene che tali rischi possano essere considerati del tutto trascurabili».
Per quanto riguarda le possibili interferenze su apparecchiature elettromedicali «non sono prevedibili particolari problemi, connessi alla messa in funzione delle antenne MUOS in quanto i livelli di campo elettrico nei luoghi dove è possibile la presenza di tali apparecchiature sono inferiori a 0,6 V/m, compatibili quindi con i normali livelli di campo elettromagnetico di fondo». Nessun rischio, prosegue la relazione, anche per dispositivi come «pacemaker e defibrillatori cardiaci impiantati».

Per il Coordinamento regionale dei Comitati NO MUOS sono stati diffusi dei frammenti della relazione in maniera parziale e alterata. Si tratterebbe infatti di porzioni di relazione diffuse ad hoc per tenere all’oscuro i cittadini del reale contenuto della relazione.
Qualora la relazione venisse diffusa completamente emergerebbe una realtà differente, e cioè che il MUOS contrasta nettamente con le normative italiane vigenti e che le 46 antenne esistenti superano costantemente i limiti di legge. Si tratterebbe, quindi, di una verità alquanto scomoda per il nostro Governo.
La Commissione che si è occupata della vicenda ha prudenzialmente osservato che, allo stato attuale degli studi, non esiste una relazione dimostrata di causa-effetto fra esposizione all’elettromagnetismo ed immediata insorgenza di patologie. Per tale motivo la normativa, per evitare l’insorgenza di patologie, impone dei limiti che non si devono superare.
Nella stessa relazione si dice che le misurazioni effettuate dall’ISPRA (Istituto Superiore Per l’Ambiente), in accordo con i tecnici americani, non sono attendibili: misurazioni eseguite in cinque giorni che contraddicono cinque anni di misurazione effettuata dell’ARPA Sicilia. Dubbi e sospetti quindi si insinuano anche all’interno dell’ISS. La relazione, infatti, si riferisce alle antenne attualmente in funzione non potendo esprimere nessun giudizio sul MUOS di cui non esistono dati se non quelli diffusi dal costruttore (la Lockheed Martin, gli stessi degli F35).

Per saperne di più:

L’art, del Prof. Massimo Zucchetti del Politecnico di Torino corredato di relazioni
http://blog.ilmanifesto.it/scienziato/2013/07/19/muos-non-tutti-sono-gentiluomini/

Inganni elettromagnetici nella base Usa di Niscemi

Inganni elettromagnetici nella base Usa di Niscemi

231617745-c14c4945-e007-46e5-8935-ccd13ec826c0

Procedure sin troppo superficiali; pericolose sottovalutazioni dei campi elettromagnetici esistenti; misurazioni incomplete, inidonee e ingannevoli; conclusioni contraddittorie, incompatibili e irragionevoli. È quanto emerge dalla nota del fisico Massimo Coraddu (autore con il prof. Massimo Zucchetti dello studio del Politecnico di Torino sui rischi associati all’impianto di telecomunicazioni militari USA di Niscemi e al costruendo centro satellitare MUOS), consegnata dai Comitati No MUOS all’Assessore regionale al territorio e Ambiente, Mariella Lo Bello, in occasione dell’incontro congiunto tenutosi a Palermo il 28 dicembre 2012.

“Quelli della realizzazione del MUOS e della sicurezza elettromagnetica nella base NRTF di Niscemi sono problemi gravi che non è più possibile rimuovere”, spiega Coraddu. “I loro aspetti più preoccupanti sono tali da mettere seriamente in discussione la fondatezza delle autorizzazioni concesse anche dopo una valutazione dei rischi legati alle emissioni elettromagnetiche da parte di ARPA-Sicilia”. Gli studi dell’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, avviati solo a partire del 2009, non sono giunti ancora a qualsivoglia conclusione, soprattutto a causa degli ostacoli frapposti dai militari statunitensi. “I pochi dati sicuri emersi, nel corso dei rilievi, hanno invece mostrato un chiaro superamento dei livelli di sicurezza previsti per la popolazione, già con l’impianto nella sua configurazione attuale”, scrive il prof. Coraddu. Per l’ARPA, invece, le proprie verifiche (“effettuate sempre con tecniche di misure conformi alla norma”) hanno “confermato il non superamento del valore di attenzione”. A smentire però l’agenzia ci sarebbero alcune conclusioni nelle relazioni sui monitoraggi effettuati a Niscemi. “Nell’istruttoria del 2009, l’ARPA dichiara ad esempio di non essere stata in grado di portare a termine il compito affidatole, in quanto le informazioni tecniche relative agli impianti già operanti risultano secretate dall’attività militare, così come i valori di campo elettromagnetico ante e post opera”, rileva Coraddu. “Di fronte a questo insormontabile rifiuto, ARPA Sicilia non ha potuto valutare complessivamente la distribuzione, sul territorio limitrofo, dei valori di campo elettromagnetico, come si era invece proposta”.

In un successivo passaggio della stessa relazione, l’ARPA ammette che la “documentazione acquisita non è conforme a quanto previsto dall’allegato n.13 (art 87 e 88) – Mod. A del D.lgs 259/03”, pertanto “non è stato possibile emettere un parere ai sensi del citato decreto legislativo”. Come evidenzia Coraddu, l’agenzia per l’ambiente non ha dunque potuto svolgere correttamente il proprio compito, “né da allora risulta che ci siano stati altri tentativi”. Così, nell’assenza di una sufficiente documentazione tecnica, “l’inquinamento elettromagnetico prodotto complessivamente dalla stazione di telecomunicazioni della Marina militare Usa di Niscemi resta ignoto”.

Il ricercatore spiega poi come le condizioni di misurazione delle emissioni siano state del tutto inappropriate. “Vista l’impossibilità di effettuare valutazioni complessive del campo emesso, l’ARPA ha ripiegato su una attività di misura e monitoraggio in alcuni punti specifici, ma neppure questo compito limitato si è però potuto svolgere nel pieno rispetto della normativa”, scrive Coraddu. “Nel caso di impianti radio-base, come quelli di Niscemi, i rilievi devono essere svolti infatti nelle condizioni più gravose possibili, ovvero con tutti i trasmettitori attivi simultaneamente alla massima potenza. Il comandante della base NRTF ha però dichiarato che le antenne non verrebbero mai attivate tutte assieme, ma solo in certe particolari combinazioni denominate A, B e C, che sono state quelle concordate con l’ARPA in occasione delle verifiche del 26 gennaio 2009”. Come si evince da una dichiarazione giurata ma certificata da un notaio solo il successivo 5 febbraio 2009 (dieci giorni dopo le misurazioni), il comandante statunitense Terry Traweek ha affermato di aver attivato, “alternativamente”, le configurazioni A-B-C alla “massima energia”. Un procedimento del tutto anomalo e assai discutibile, basato sulle mere dichiarazioni dell’ufficiale e non dalla verifica della configurazione reale degli impianti da parte dei tecnici ARPA. Lo stesso militare ha inoltre ammesso che delle 45 antenne ad alta frequenza (HF) ed una a bassa frequenza (LF) esistenti “sono in funzione solo 27”, mentre che durante il funzionamento dell’antenna LF “la riduzione energetica impedisce l’uso contemporaneo delle altre 27 antenne HF”. Condizioni del tutto diverse quindi da quanto prescritto dalle leggi italiane, che però sono state ammesse e condivise dai tecnici dell’agenzia per l’ambiente.

“Se l’ipotesi delle condizioni più gravose possibili si fosse verificata il 26 gennaio 2009, in quel giorno le centraline installate in quattro abitazioni vicine alla base avrebbero dovuto registrare un’emissione più alta rispetto a quella dei giorni precedenti e successivi”, evidenzia Coraddu. “Se osserviamo i tracciati di quella giornata invece troviamo che due centraline (la n. 3 e la n. 4) registrano un segnale identico a quello medio degli altri giorni, mentre altre due registrano addirittura un segnale notevolmente inferiore. Oltretutto l’analizzatore EHP-200 impiegato, ha registrato un numero e una distribuzione di sorgenti emittenti assolutamente identico e indistinguibile nelle tre configurazioni A, B e C. Infine la centralina in Contrada Ulmo, la sola che ha proseguito le rilevazioni quasi ininterrottamente dal febbraio 2011 sino ad ottobre 2012, ha registrato, a partire dalla fine di agosto 2012, un chiaro aumento delle emissioni, ben oltre quelle rilevate nel gennaio 2009, indicando così inequivocabilmente che quelle concordate con i militari USA il 26 gennaio 2009 non erano affatto le più gravose condizioni possibili. Le verifiche delle emissioni si sono rivelate un inganno. I livelli dell’elettromagnetismo nella base NRTF restano tuttora ignoti e fuori dalla portata di ogni controllo civile”.

Secondo il ricercatore sardo, per la presenza a Niscemi di decine di sorgenti differenti che trasmettono simultaneamente a frequenze molto diverse tra loro, le misurazioni delle emissioni sono particolarmente gravose e si possono facilmente produrre malfunzionamenti e risposte imprevedibili nella strumentazione utilizzata. “Non di rado i tecnici ARPA si sono trovati di fronte a strumenti di misura che producevano risultati completamente diversi e incompatibili”, afferma Coraddu. “In una situazione così complessa sarebbe quindi buona pratica impiegare più frequentemente possibile strumenti di misura a banda stretta, capaci cioè di distinguere le singole sorgenti emittenti. Purtroppo, per quanto ne sappiamo, l’ARPA ha impiegato uno strumento di questo tipo, l’analizzatore NARDA EHP 200, una sola volta, il 26 gennaio 2009, in soli 7 punti di misura. Quello invece normalmente utilizzato, il misuratore portatile in banda larga PMM 8053A, con la sonda EP 330, produce alle alte frequenze delle misurazioni del tutto incompatibili con le corrispondenti in banda stretta, e va quindi ritenuto poco affidabile”.

Quando è stato possibile analizzare dei dati numericamente sufficienti, c’è stata comunque la chiara indicazione di un “notevole superamento” dei limiti di sicurezza dei campi elettromagnetici. Onde tutelare la popolazione dagli effetti di un’esposizione prolungata, la legislazione italiana prevede che in prossimità delle abitazioni il campo elettrico debba trovarsi al di sotto della soglia di 6 V/m. A Niscemi, l’unica centralina (la n. 2 di Contrada Ulmo) che ha effettuato misurazioni prolungate nelle alte frequenze ha registrato valori assai variabili delle emissioni: tra i 5,9 e gli 0,6 V/m del periodo dicembre 2008 – marzo 2009 e tra i 4,5 e i 5,5 V/m nel periodo febbraio – settembre 2011. Nel luglio 2012 sono stati raggiunti i 5,8 V/m e nel successivo mese di settembre il livello delle emissioni è arrivato a superare i limiti di sicurezza dei 6 V/m per lunghi intervalli (dell’ordine delle 10 ore), sino ai 7 V/m.

Nel caso di esposizioni multiple, come indicato dalla legge, all’esposizione alle alte frequenze deve essere poi sommata la componente di bassa frequenza (LF) che a Niscemi è assai elevata, nell’ordine di 6-7 V/m. “Sommando i valori, è evidente come l’intensità di campo elettrico sia doppia rispetto al limite previsto”, denuncia Coraddu. “Per le emissioni della base NRTF deve quindi essere resa al più presto obbligatoria la riduzione a conformità prevista dal DPCM 8 luglio 2003. E, ovviamente, non è possibile concedere autorizzazioni per ulteriori impianti trasmittenti, come le antenne satellitari del MUOS, le cui emissioni andrebbero a sommarsi a quelle degli altri trasmettitori presenti, con rischi ulteriori”.

Ancora oggi, date le scarne caratteristiche tecniche delle antenne del MUOS fornite dai militari USA, è impossibile prevedere quale sarà la portata reale delle emissioni del nuovo impianto di guerra. “Le autorità statunitensi hanno fornito solo le caratteristiche tecniche delle antenne elicoidali TACO H124, operanti in banda UHF (peraltro liberamente disponibili nel sito web del costruttore)”, spiega il ricercatore. “Le caratteristiche delle grandi antenne paraboliche che trasmetteranno in banda Ka (30-31 Ghz) sono note invece in forma molto parziale, il che consente solo una valutazione approssimativa nella direzione dell’asse principale e grandi distanze (superiori ai 500 metri). Una valutazione superficiale porta ad errori e ad evidenti paradossi, come accade nella relazione ARPA dove si ammette che il modello di calcolo utilizzato non fornisce valori in zona di campo reattivo, ovvero in un raggio di 497 metri dal centro elettrico della parabola. Osservando i mappali si vede chiaramente che le parabole MUOS vengono deificate a circa 150 metri dalla recinzione della base, oltre la quale si trova una zona parco della Sughereta di Niscemi, attrezzata con sentieri e punti sosta. Che succederà in questa fetta del parco in caso di attivazione del MUOS? L’ARPA propone di effettuare verifiche post-installazione. Ovvero di lasciare edificare l’opera per valutare a posteriori un inquinamento e un danno che non siamo in condizione di prevedere. Una proposta che non sembra né ragionevole né accettabile”.

“Nessuno è stato in grado di effettuare previsioni credibili sulle emissioni che il sistema MUOS, nel suo funzionamento ordinario, comporterà per l’ambiente circostante già ampiamente soggetto a inquinamento elettromagnetico”, conclude il prof. Coraddu. “L’autorizzazione alla realizzazione del sistema MUOS in queste condizioni è stato, nel migliore dei casi, un grave errore. La prosecuzione in presenza di elementi così gravi sarebbe un errore ancora peggiore, che non può trovare nessuna giustificazione”.
A dispetto di un iter autorizzativo a dir poco discutibile e pasticciato e a fronte delle proteste della popolazione e delle amministrazioni locali, i lavori proseguono con celerità. Centinaia di ragazze e ragazzi si alternano presidiando da 40 giorni le strade di accesso alla base USA di Niscemi per impedire l’arrivo di un enorme camion gru che dovrà innalzare le tre parabole sui piedistalli già installati. Potrebbe bastare una firma del governatore Rosario Crocetta per sospendere l’efficacia delle autorizzazioni concesse illegittimamente dal predecessore Raffaele Lombardo. I No MUOS l’hanno richiesta nel recente incontro con l’assessora Lo Bello che ha però preferito glissare la questione. “Chiederemo ai militari italiani e statunitensi di sospendere i lavori”, ha dichiarato. Peccato che lo aveva già fatto, inutilmente, nel giugno scorso, la Procura della repubblica di Caltagirone, ravvisando nei lavori del MUOS gravi illeciti penali e violazioni delle normative ambientali.

FONTE : http://antoniomazzeoblog.blogspot.it/2012/12/inganni-elettromagnetici-nella-base-usa.html