NO MUOS: MANIFESTAZIONE IN CONTRADA ULMO

«Per la prima volta marciamo con le tre antenne già installate, rivendicando che queste antenne debbono essere immediatamente smantellate …»


03

Niscemi. Nel pomeriggio di oggi (1° marzo 2014) circa 2.000 persone, sfidando i divieti della Questura di Caltanissetta, hanno marciato verso i cancelli della base della Marina Militare statunitense in Contrada Ulmo a Niscemi, per protestare nuovamente contro il MUOS, il sistema di comunicazioni satellitari del Dipartimento della Difesa americana.
Non sono mancati momenti di tensione con scontri con le forze dell’ordine in coda al corteo.

0201

La manifestazione si è mantenuta pacifica fino a quando la testa del corteo, giunta, davanti al cancello n° 1 della base, ha tentato di forzare il blocco del reparto mobile. Negli scontri una dimostrante è rimasta ferita al volto ed un agente ha riportato la frattura del setto nasale.

04

Successivamente il corteo ha cambiato direzione, dirigendosi verso una collinetta dalla quale si possono vedere le parabole del MUOS. È tornata la calma ma la tensione è rimasta alta fino al termine della manifestazione.

Da Washington, intanto, il Pentagono annuncia ufficialmente che entro il 2017 il MUOS di Niscemi sarà operativo. Nel 2015 sarà lanciato il satellite e subito dopo inizieranno gli esperimenti e via via l’impianto funzionerà a pieno regime. Secondo gli esperti americani non esistono rischi per la popolazione, anzi un telefonino o un forno a microonde procurerebbero più danni di una sola di quelle gigantesche parabole puntate verso l’alto. Tant’è vero che in Virginia (Norfolk), Australia (Geraldton) e Hawaai (Wahiawa), affermano gli esperti, nessuno se ne lamenta. Ma a Niscemi la popolazione non ci sta anche in base agli studi eseguiti dal Prof. Massimo Zucchetti del Politecnico di Torino e dal fisico Massimo Coraddu.
Anche il Governo USA lancia un’offensiva mediatica ospitando i giornalisti delle testate italiane e siciliane per dimostrare che il MUOS non è pericoloso.

Il 27 marzo nuovo appuntamento davanti al TAR di Palermo dove i Comitati attenderanno una risposta positiva sull’istanza di revoca della concessione di costruzione delle parabole.

A.R.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...