La pornografia gestita e voluta dall’elite ebraica per degenerare i giovani

servo e padrone

“Adottare psicologie e tecniche per il controllo della massa
promuovere l’uso di alcoll,droga,corruzione morale,e ogni forma di vizio per corrompere sistematicamente la gioventù della nazione”.

In quanto a pornografia il professore Nathan Abrams nel suo articolo “Triple-exthincs” parla chiaramente del ruolo e l’influenza ebraica nell’industria pornografica. E’ chiaro che gli ebrei sono i detentori di questo business depravato. Creando generazioni di giovani senza cervello, vere e proprie macchine da sesso. Categorizzano le donne: dalle “Milf” alle giovani “teen”. Interpretano film assurdi dove si allude ai peggiori abomini, dall’incesto alle torture, stupri e altre bestialità varie…

La pornografia a superato ogni limite di decenza, gli Stati Uniti hanno il primato e gli ebrei coinvolti con l’elite,come potrete vedere di seguito ne sono gli artefici. Evidentemente parte degli insegnamenti talmudici trovano largo nella pornografia..

Articolo originale in inglese: jewishquarterly.org

 
Una piccola storia dice che gli ebrei hanno sparso cugini ad Hollywood, nell’industria del cinema per adulti. Forse avremmo preferito fingere che non esistessero le “triple-exthnics ‘, ma non c’è da allontanarsi dal fatto che gli ebrei laici hanno svolto (e continuano a svolgere) un ruolo sproporzionato su tutta l’industria di film per adulti in America. Il coinvolgimento degli ebrei nella pornografia ha una lunga storia negli Stati Uniti, come gli ebrei hanno contribuito a trasformare una sottocultura marginale in quello che è diventato un principale costituente della cultura Americana. Questi sono ‘true blue Jews’.

Spacciatori di materiale erotico

L’attività ebraica nel settore del porno si divide in due (a sua volta sovrapposti) gruppi: pornografi e interpreti. 
Anche se gli ebrei costituiscono solo il due per cento della popolazione americana, hanno un ruolo importante nella pornografia. Molti concessionari erotici nel commercio di libri tra il 1890 e il 1940 sono stati costituiti da immigrati ebrei di origine tedesca. Secondo Jay A. Gertzman, autore di Bookleggers e Smuthounds: Il commercio dell’ Erotismo, 1920-1940 (Philadelphia: University of Pennsylvania Press, 1999), gli ebrei erano in primo piano nella distribuzione di gallantiana [fiction su temi erotici e libri di sporchi scherzi e ballate], avant-garde di romanzi sessualmente espliciti,sesso spinto, sessuologia e materiali per l’autoerotismo.

Nel dopoguerra, il pornografo più famoso d’America era Reuben Sturman, il ‘Walt Disney del porno’.

 

Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, durante gli anni 1970 Sturman controllava la maggior parte della pornografia in circolazione nel paese. Nato nel 1924, Sturman cresciuto nella East Side di Cleveland. Inizialmente, ha venduto fumetti e riviste, ma quando si rese conto che le riviste pornografiche producevano venti volte il reddito dei fumetti, si è mosso esclusivamente sul porno,  producendo i suoi titoli e la creazione di negozi al dettaglio.

Entro la fine del 1960, Sturman si era collocato al top dei distributori di riviste per adulti e nella metà degli anni ’70 possedeva più di 200 librerie per adulti.
Sturman ha anche introdotto le versioni aggiornate del tradizionale stand peepshow (tipicamente una stanza buia con una piccola TV a colori in cui lo spettatore può visualizzare i video per adulti). Si diceva che Sturman non controllava solo il settore adulti-entertainment; lui era l’industria.
Alla fine è stato condannato per evasione fiscale e altri reati, caduto in disgrazia,muore in carcere nel 1997. Suo figlio, David, continuò con l’azienda di famiglia.

L’incarnazione contemporanea di Sturman è l’ebreo Steven Hirsch, che è stato descritto come ‘il Donald Trump del porno’.

Steven Hirsch


Il legame tra i due è il padre di Steve, Fred, che era un agente di cambio a Sturman. Oggi Hirsch gestisce il Gruppo Vivid Entertainment, che è stata chiamata la Microsoft del mondo del porno, il primo produttore di film “adulti” negli Stati Uniti. La sua specialità era di importare tecniche di marketing tradizionali nel porno business. Infatti, paralleli a Vivid è il sistema di studiohollywoodiano  del 1930 e 1940, in particolare nei suoi contratti esclusivi a porno star che vengono assunti e modellati da Hirsch. Vivid è stato oggetto di un reality show TV dietro le quinte di recente in onda su Channel 4.


Gli ebrei hanno rappresentato per la maggior parte i principali attori superdotati, nonché un notevole numero di stelle femminili nei film porno degli anni 1970 e ’80. Il decano dei pionieri ebrei è Ron Jeremy.

Noto nel ramo come “the Hedgehog”, Jeremy è uno delle più grandi pornostar americane. Il cinquantunenne Jeremy è cresciuto in una famiglia ebrea della classe medio-alta  a Flushing nel Queens, e da allora è apparso in più di 1.600 film per adulti, così come ne ha diretti oltre 100.

Jeremy ha raggiunto lo status di icona in America, un eroe per i maschi di tutte le età, ebrei e gentili allo stesso modo – è il nebbischy, brutto,grasso, peloso ragazzo che va a letto con decine di belle donne.

Egli presenta l’immagine di un moderno re Davide, un Superstud ebreo che sostituisce gli eroi tradizionali della tradizione ebraica. La sua vita è stata recentemente raccontata con il rilascio di un porno-documentary sulla sua vita, Porn Star: The Legend of Ron Jeremy. Il più famoso porno-attore maschio ebreo, Jeremy ha fatto meraviglie per la psiche degli uomini ebrei in America. Jeremy ha appena pubblicato un CD compilation, Bang-A-Long-Con Ron Jeremy.

Per £ 7,99 (compresa la consegna), il fortunato ascoltatore arriva a godere sul suo porno preferito di Jeremy con la narrazione da ‘leggenda’ di se stesso.
Seymore Butts, alias Adam Glasser, è tutto ciò che Jeremy non è: giovane, bello e tonico. Glasser, un 39enne Ebreo di New York, ha aperto una palestra nel 1991 a Los Angeles. Quando ha visto che nessuno cliente era entrato, ha preso in prestito una videocamera per 24 ore, è andato in un vicino strip club, ha reclutato una donna, poi fece ritorno di nuovo alla sua palestra e ha iniziato a girare un film porno. Anche se il film puzzava, con un po’ di faccia tosta e un paio di biglietti da visita che gli aveva dato un altro produttore porno, ha iniziato a sfornare film.

Nel giro di pochi anni, «Seymore Butts- il suo nome d’arte nel porno e anche il nome della sua attivita, è diventato uno dei più grandi franchising nel settore dei film per adulti . Come il re del genere gonzo (contrassegnato da telecamere palmari, l’illusione di spontaneità e di una estetica low-tech con lo scopo di simulare la realtà), è oggi probabilmente il più famoso magnate porno ebreo. Seymore Inc., la sua società di produzione, rilascia circa 36 film all’anno, la maggior parte di loro ha girato per meno di 15.000 $, ciascuno di loro ha incassato più di 10 volte la somma. Glasser impiega 12 persone, tra cui sua madre e suo cugino Stevie rispettivamente come geniale contabile dell’azienda. Glasser ha attualmente anche il suo reality show (anche in onda su Channel 4), dieci episodi di una docu-soap che si chiama Family Business, in cui nei titoli di apertura mostra una foto di Glasser.

In cerca di un dollaro

Gli ebrei furono coinvolti nel settore del porno per le stesse ragioni che i loro correligionari furono coinvolti in Hollywood. Essi sono stati attratti dal settore soprattutto perché li ammette. La sua novità significava che le barriere restrittive non erano ancora state erette, come avevano fatto in tanti altri settori della vita americana.
Nel porno, non vi era alcuna discriminazione contro gli ebrei. Durante la prima parte del ventesimo secolo, un imprenditore non aveva bisogno di grandi somme di denaro per incominciare;il cinema era considerato solo come una moda passeggera.

Nel settore del porno,all’epoca era molto semplice fare affari. Per produrre i filmati come  “addio al celibato” o loop, come venivano chiamati, tutto quello che serviva era un proiettore,uno schermo e un paio di sedie. Non essere legati allo status quo e non avere nulla da perdere, gli ebrei erano aperti a nuovi modi di fare business. Gertzman spiega che “Gli ebrei, quando si trovarono esclusi in un campo, si spostano verso un affare in cui hanno percepito che potrebbero prosperare cooperando con i colleghi in uno sforzo comune… gli ebrei hanno per lungo tempo coltivato il temperamento e talento di intermediari, e sono orgogliosi di queste capacità “.

L’attività di intrattenimento per adulti richiedeva qualcosa che gli ebrei avevano in abbondanza: la faccia tosta. I primi Pornografi ebrei sono stati dei geni  del marketing e imprenditori ambiziosi, di intelligenza e di una sconfinata fiducia in se stessi che gli ha permesso di avere successo.

Naturalmente, il gran numero di ebrei coinvolti nel porno erano motivati ​​soprattutto dal desiderio di fare profitti. Proprio come la loro controparte ad Hollywood che ha fornito una fabbrica di sogni per gli americani, uno schermo bianco su cui  potevano creare visioni dell’America che i magnati ebrei volevano  proiettare, in modo da plagiare i gusti del pubblico. Quale modo migliore per fornire la materia dei sogni e fantasie attraverso il settore adulti-entertainment? gli Attori porno fanno i soldi. Come ha commentato l’ADL (Direttorio Nazionale Abraham H. Foxman, “Gli ebrei che entrano nel l’industria della pornografia hanno fatto come gli individui che perseguono il sogno americano”.






Gli Effetti Della Pornografia Sulle Relazioni Sessuali Ed Affettive

L’avvento di internet ha facilitato l’accesso alla pornografia on line in modo vertiginoso e anonimo, rendendola fruibile in ogni momento della giornata. Questo fatto ha influito notevolmente sulle relazioni e sul modo di vivere la propria sessualità. Simone Kuhn, neuro scienziata del Max Planck Institute e Jurgen Galinat della Charite University hanno effettuato una ricerca, osservando un campione di maschi che guardavano almeno una volta a settimana filmati pornografici. I due scienziati hanno evidenziato che chi guarda spesso filmati pornografici, presenta un volume minore del corpo striato, componente sottocorticale del telencefalo. Questo significa che la zona del nucleo striato, recettore del piacere, tende ad attivarsi meno quanto più si usufruisce della pornografia, appiattendo il livello di reazione al piacere rispetto a chi invece non ricorre massicciamente alla pornografia. Inoltre chi fruisce spesso di filmati pornografici trascorre molto più tempo sul web rispetto a chi invece non vi ricorre.

Un team di ricercatori della Florida State University ha rilevato che le persone che non usufruiscono o solo saltuariamente di videopornografia, sono maggiormente coinvolte in una relazione rispetto a chi invece ne abusa. Chi invece è un fruitore abituale di pornografia può manifestare una maggiore tendenza all’infedeltà e ricercare partner al di fuori della relazione. I ricercatori sostengono che quanto maggiore è la percezione di avere a disposizione un insieme significativo di partner attraenti tanto minore sarà l’impegno che metteranno in una relazione. Inoltre non ha alcuna rilevanza che i partner siano reali o solo frutto dell’immaginazione come quelli visti in alcuni filmati pornografici, i cui attori alimentano l’idea di poter conoscere persone nuove con cui avere rapporti sessuali.

Dal momento in cui una persona elabora l’idea di avere diverse alternative relazionali, manifesta una minore propensione ad impegnarsi in una relazione. Chiaramente l’effetto rilevato dalla ricerca precedentemente descritta, va integrato con il dato di quali elementi sono importanti per ognuno nella relazione e su quali decidere di soffermarsi. Focalizzare l’attenzione sulla relazione e sulla concretezza del rapporto piuttosto che su figure immaginarie prese in prestito dal mondo della pornografia virtuale consente di radicarsi nel rapporto e di non perdere di vista l’affettività e l’emotività che la caratterizzano.

pornografia

Un abuso dei siti pornografici può inoltre causare nell’uomo disturbi legati alla sfera della sessualità, come la disfunzionalità erettile, determinando l’ “anoressia sessuale”, conseguenza dell’ assuefazione al sesso e in modo graduale nell’impotenza. La dott.ssa Marnia Robinson, autrice di ‘Pace tra le lenzuola’, afferma che l’abuso di pornografia può determinare una stimolazione eccessiva della dopamina, il neurotrasmettitore preposto all’attivanzione del piacere sessuale. Il cervello a causa di questo incremento di input prodotti dalla dopamina, perde la capacità di rispondere adeguadatemente ai segnali inviategli dal neurotrasmettitore.

Gli uomini che generalmente guardano immagini o video porno online hanno un continuo bisogno di esperienze sempre nuove per essere sessualmente eccitati, che ricercano nel mondo virtuale poiché la realtà non può offrirglieli e quindi li delude. Il circolo vizioso che dalla pornografia conduce all’impotenza potrebbe essere prodotto dal cosiddetto effetto Coolidge. Questo effetto è un automatismo cerebrale secondo il quale ogni nuovo partner, reale o virtuale, viene visto come una nuova alternativa erotica. In tal modo, a causa dell’azione di agenti neurochimici, l’uomo perde interesse per il precedente oggetto del desiderio, a favore del nuovo, e anche qualora ci si trovi in una fase di esaurimento post-orgasmico questa scompare in breve tempo. La videopornografia illude l’uomo di potere avere sempre nuovi partner ogni qual volta lo voglia ed impoverisce il sesso con la propria compagna che può apparire “monotono”.

Tutto ciò non significa che la pornografia sia necessariamente un elemento di disturbo all’interno della coppia ma diventa una risorsa ogni qual volta è uno strumento condiviso per ricercare il piacere insieme e reciprocamente.


 

Guarda il video per vedere altre clamorose ammissioni di Al Goldstein: https://www.youtube.com/watch?v=D5Ph-3VPNgM

Vedi anche l’origine e i mali della pornografia:https://www.youtube.com/watch?v=uZ1ZVUzi9jE

FONTE : http://whitewolfrevolution.blogspot.it/2015/05/la-pornografia-gestita-e-voluta.html

2 thoughts on “La pornografia gestita e voluta dall’elite ebraica per degenerare i giovani

  1. Pingback: La pornografia gestita e voluta dall’elite ebraica per degenerare i giovani | Michele Rago

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...