MESSINA: UNIVERSITA’ DI MEDICINA – MICROCHIP CON RICETRASMITTENTE PER SUPERARE I TEST DI AMMISSIONE – 6 INDAGATI

Nei test di ammissione alla facoltà di medicina e chirurgia di Messina si faceva ricorso all’uso di microchip miniaturizzati che permettevano la comunicazione con personaggi all’esterno delle aule con funzione di suggeritori, grazie alla tecnologia tramite l’uso di un microchip invisibile e consegnato al candidato, quest’ultimo riceveva dall’esterno le risposte ai quiz. Lo studente comunicava con l’esterno con un complice di Montagnese che, attraverso una ricetrasmittente collegata ad un pc forniva le risposte. Il sistema costava fra i 30 ed i 50.000 euro ma il risultato era presso che garantito.

AUDIO CONFERENZA STAMPA OPERAZIONE CAMPUS

INFILTRAZIONI MAFIOSE

Esami facili all’Università: eseguite dalla DIA sei ordinanze cautelari. Ai domiciliari un docente

optimized-dia

FONTE : http://www.tempostretto.it/news/infiltrazioni-mafiose-esami-facili-all-universit-eseguite-dalla-dia-sei-ordinanze-cautelari-domiciliari-docente.html

La Dia avrebbe scoperto un’organizzazione che influenzava le prove di ammissione alle facoltà a numero chiuso e agli esami universitari. Al vertice del gruppo vi sarebbe un calabrese. In corso l’esecuzione di sei ordinanze cautelari. I particolari saranno illustrati in conferenza stampa.

Il verminaio torna prepotentemente d’attualità. Quindici anni fa il termine era stato utilizzato per descrivere il malaffare che si era infiltrato nei gangli vitali dell’Università di Messina, erodendola come un male incurabile. Sono trascorsi tre lustri e diverse inchieste giudiziarie e si torna a parlare di infiltrazione della ‘ndrangheta calabrese nell’Ateneo peloritano, di compravendita di esami, di irregolarità nei test d’ammissione alle facoltà a numero chiuso, di minacce ai docenti e di studenti disposti a tutto per garantirsi la laurea. Un anno di indagini ha portato stamani gli uomini della DIA ad arrestare quattro persone nell’ambito dell’inchiesta che ha squarciato nuovamente il velo di legalità che l’Università di Messina tenta ogni volta faticosamente di ricomporre. Ai domiciliari sono finiti il docente di demografia dell’Università di Messina. Marcello Caratozzolo, 47 anni e l’ex consigliere provinciale Dino Galati Rando, 57 anni, già titolare di alcuni istituti scolastici privati. In carcere è stato rinchiuso, invece, Domenico Antonio Montagnese, 50 anni, di Fabrizia in provincia di Vibo Valentia. L’uomo, ritenuto esponente della ‘ndrina locale, sarebbe la mente dell’organizzazione, il motore attorno al quale girava l’intero gruppo. Gli arrestati devono rispondere di associazione per delinquere aggravata finalizzata alla corruzione, al traffico illecito di influenze, al millantato credito, voto di scambio e molti altri reati contro la pubblica amministrazione. Nel calderone sono finiti anche una giovane avvocatessa messinese ed il fratello. Sono state sottoposte all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. I due avrebbero contribuito a condizionare alcuni test di ammissione alla Facoltà di Medicina in cambio di somme di denaro che poi dividevano con Montagnese.

testmedicinauniversit10

Nella “Campus” però sono indagate anche decine di persone. Si tratta per lo più di docenti e studenti universitari. Le loro posizioni sono ancora al vaglio della magistratura. La clamorosa inchiesta ha avuto avvio nel luglio dell’anno scorso proprio alla vigilia dei test di ammissione alla facoltà di Medicina. Intercettando Montagnese, già indagato nell’operazione Panta rei, gli investigatori sono venuti a capo del sistema di compravendita di esami. Parlando al telefono con una persona di fiducia l’uomo spiegava che il suo gruppo era in grado di condizionare non solo gli esami universitari ma anche test d’ammissione alle facoltà a numero chiuso, esami di abilitazione professionale, in particolare quelli per dottore commercialista, valutazioni per l’assegnazione di titoli. Per convincere i docenti, spiegava Montagnese al suo interlocutore, venivano seguiti due sistemi: quello politico e quello mafioso. Il primo era il più semplice e prevedeva l’intervento del professor Caratozzolo. Il docente, grazie alle sue conoscenze all’interno dell’Ateneo, contattava i colleghi ed in cambio di piccole regalie li convinceva a promuovere determinati candidati che ne avevano fatto richiesta. Questi ultimi poi pagavano a Montagnese cifre che si aggiravano intorno a 4000 euro. Se i docenti opponevano resistenza entravano in ballo esponenti delle ‘ndrine calabresi che avvicinavano i professori e li minacciavano. E con il sistema delle intimidazioni quasi sempre riuscivano nel loro intento. Ma c’era poi il ricchissimo filone dei test di ammissione nelle facoltà a numero chiuso. La più gettonata naturalmente era quella di Medicina e Chirurgia. Tantissimi i candidati,pochi i posti disponibili e le possibilità di farcela. A meno che non ricercassero strade alternative. La più innovativa e tecnologica è quella che prevede l’impiego di microchip. Era la stessa organizzazione che forniva al candidato il microchip. Un complice all’esterno si attrezzava con un pc, ricercava le risposte ai test e le comunicava al candidato. Questo sistema, che ha funzionato, era però anche il più caro. Per superare i test d’ammissione con questo metodo bisognava sborsare una cifra fra i 30 ed i 50.000 euro. Fra gli arrestati l’ex consigliere provinciale Dino Galati Rando, già titolare di alcune scuole private e nell’ottobre scorso candidato alle elezioni regionali. L’ex esponente di Grande Sud,indagato per voto di scambio, avrebbe chiesto ed ottenuto preferenze alle regionali in cambio della promozione di studenti che frequentavano i suoi istituti. Infine Salvatore D’Arrigo, 59 anni, arrestato nell’operazione con l’accusa di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. E’ una vicenda venuta a galla nel corso delle intercettazioni telefoniche che non ha nulla a che vedere con il mondo dell’Università. D’Arrigo avrebbe contattato e minacciato due orafi messinesi che si erano trasferiti a Desenzano del Garda perché impossibilitati a restituire somme di denaro che Montagnese aveva loro prestato con interessi del 50% mensili. Il prestito era lievitato e gli orafi non ce l’avevano più fatta ad onorare il debito ed erano fuggiti in Lombardia dove D’Arrigo li aveva rintracciati.

VIDEO INTEGRALE :

ALTRI ARTICOLI :

http://www.messinaoggi.it/News/Cronaca/2013/07/06/Universit.-Scoperto-un-nuovo-verminaio-9348.html

http://www.gazzettadelsud.it/news//53093/Universita–esami–truccati-.html

http://www.qds.it/15001-messina-test-truccati-e-raccomandazioni-all-universita-e-ancora-scandalo.htm

http://cerca.unita.it/ARCHIVE/xml/2565000/2561088.xml?key=un&first=41&orderby=1&dbt=arc

http://www.normanno.com/index.php/cronaca/6152-operazione-campus-docenti-minacciati-o-oliati-per-far-superare-esami-o-test-le-facolta-sotto-inchiesta

http://stampalibera.it/2013/07/messina-loperazione-antimafia-della-dia-campus-lunione-degli-universitari-prende-posizione/

“.. Oggi, dalle prime indiscrezioni, di cui si attendono conferme e approfondimenti, L’Unione degli universitari scopre la presenza dei microchip grazie ai quali l’organizzazione riusciva a dettare le risposte esatte ai propri protetti e di altri metodi che coinvolgerebbero membri della commissione e vigilanti inoltre, ci sarebbero personaggi in grado di inserirsi nel sistema informatico nazionale e modificare le risposte date dai candidati attenzionati. – See more at: http://stampalibera.it/2013/07/messina-loperazione-antimafia-della-dia-campus-lunione-degli-universitari-prende-posizione/#sthash.D9IxImjd.dpuf..”

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...