LE ARMI INVISIBILI-CRONACA DI UN MASSACRO-LE DENUNCE

DESCRIZIONE VIDEO : Puntando un rilevatore di radiofrequenze sulle parti del corpo colpite e trapassate da fasci di microonde molto potenti , si potrà vedere l’intensità con la quale il povero corpo di Antonella è bombardato costantemente da mesi, sino a raggiungere i 3000 KHz . Gruppi di criminali ben organizzati braccano Antonella da troppo tempo e i suoi spostamenti non sono serviti a proteggerla, usano il suo corpo come bersaglio umano ai fini di sperimentazioni losche con l’implementazione di strumenti tecnologici usati come armi diaboliche che distruggono giorno dopo giorno il suo corpo e i suoi organi interni.

da email slaicobasmarghera.org
fate circolare
inviate contributi con dicitura “x Antonella” sul ns c/c reperibile nel sito http://www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org

La querela presentata da Antonella, che dallo scorso aprile collabora permanentemente con la ns OS a Mira,
presentata a Venezia lo scorso 8 luglio 2013, non ha sortito ancora alcun effetto nonostante la gravità dei fatti e documenti riportati Antonella non è stata ancora sentita dalla Procura
Ormai il suo tormento, che le sta impedendo di mangiare (si alimenta con amminoacidi e pappa reale, succhi di frutta), le comporta indicibili sofferenze lungo tutta la giornata.
come abbiamo documentato, lei è sottoposta ad attacchi con armi ad energia diretta, vi sono anche compagni dei sindacato che sono stati colpiti mentre camminavano per strada al suo fianco, oltre a Paolo che la sta sostenendo.

Fuori dalla denuncia lo diciamo in pubblico, ci sono dei malandrini tra cui un certo Lo Piccolo, che hanno a che fare con lo stalking di corredo alla tortura. Erano cose in più, che potevano emergere solo da un intervento della Procura, tant’è che questo nome non compare nella querela. Ma ora che temiamo per la sua vita, diamo anche questa notizia.

ricordiamo la documentazione già pubblicata in:
memoriale di Antonella
http://www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org/CasoAntonellaSud.pdf
pagina di memoriale n.2 con VIDEO e foto di electronic harassement
http://www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org/Antonella2/Antonella2.htm
pagina n.3 con REFERTO DI ABRASIONE CORNEALE
http://www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org/20110606-refertoAntonella.pdf
terrificante testimonianza n.3 di Antonella
http://www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org/Antonella3.htm

Ricordiamo che con 15.000 euro potremmo acquistare una piccola gabbia di Faraday, e che nessuno ci sta aiutando, tant’è che ne sono morti già tra gli altri Paolo Sacchetto e Maurizio Bassetti, senza contare le decine di vittime che vengono colpite dolorosissimamente sino a quando non si fanno più promotori di iniziative collettive come la ns ultima
di cui a questo link
http://www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org/20130613-ROMA/

Procura della Repubblica
VENEZIA

La sottoscritta R.A., nata il ….. a Palermo, residente a Palermo in …….., c.f. ……………….., proprio numero di telefono ……………………………., studentessa universitaria alla facoltà di Lettere e Filosofia di Palermo, lavoratrice precaria, attualmente impegnata volontaria nel sindacato Slai Cobas della provincia di Venezia,

con la presente PROPONE QUERELA ex art.333 e segg.C.P.P.

CONTRO IGNOTI per i reati PERMANENZA IN ATTI
di cui agli artt.610 CP (violenza privata) iniziato nel mese di ottobre 2012 in Palermo, 612 bis CP (atti persecutori), iniziati sin dal 1991 in Palermo, 613 CP (Stato di incapacità procurato mediante violenza), 582 CP (lesione personale) compiuto in varie occasioni e significativamente (abrasione corneale) il 6-6-2013 a Mira (VE), 81 CP (continuazione) 84 CP (reato complesso), 73 CP, 78 CP, 79 CP, eventualmente da valutare il 575 CP omicidio tentato, 583 (circostanze aggravanti), attuati mediante molteplici atti criminosi ed un unico disegno criminale ed infierendo continuativamente tortura psicofisica, fisiologica e neurofisiologica attraverso armi ad energia diretta – onde elettromagnetiche, microonde e tecnologie radio militari, ipotizzando in tal senso art.416 bis CP associazione a delinquere di stampo mafioso, reati aggravati dal costituire l’insieme anche una sorta di “esperimento medico” praticato sulla sottoscritta senza alcuna sua autorizzazione, in violazione palese della Costituzione della Repubblica Italiana (art.32) e della Dichiarazione di Helsinki (WORLD MEDICAL ASSOCIATION DECLARATION OF HELSINKI – Ethical Principles for Medical Research Involving Human Subjects – Adopted by the 18th WMA General Assembly, Helsinki, Finland, June 1964, and amended by The 29th WMA General Assembly, Tokyo, Japan, October 1975 – 35th WMA General Assembly, Venice, Italy, October 1983 – 41st WMA General Assembly, Hong Kong, September 1989 – 48th WMA General Assembly, Somerset West, Republic of South Africa, October 1996 – and the 52nd WMA General Assembly, Edinburgh, Scotland, October 2000 – Note of Clarification on Paragraph 29 added by the WMA General Assembly, Washington 2002 – Note of Clarification on Paragraph 30 added by the WMA General Assembly, Tokyo 2004) dichiara di non aver dato alcun consenso; dichiara con la presente di rifiutare la legittimità, della eventualità precisata dal ddl 24/6/2003 n.211, laddove si ipotizza che una persona possa essere oggetto di sperimentazioni pur non avendo la possibilità di dare il proprio consenso informato; dichiara solennemente di non aver mai dato ad alcuna persona alcun permesso del genere, e ipotizzando anche che tali atti siano realizzati e posti in essere per finalità economiche e in questo senso riservandosi ogni diritto risarcitorio sia come lavoro intellettuale estorto sia ai sensi dell’art.2087 C.C.

Con richiesta di trasmissione anche alle Procure DDA di VENEZIA ROMA e PALERMO

La sottoscritta A.R. dichiara di essere in pieno possesso delle proprie facoltà mentali e denuncia quanto segue al fine che gli organi Istituzionali competenti dei fatti che si sono svolti sin dal 1991 e molto più gravemente, sin dall’autunno del 2012, nelle città e province di Palermo, Roma, Venezia, possano individuare e perseguire i responsabili di quanto Le sta accadendo.

Premessa

Questa lettera è un ATTO di DENUNCIA e di richiesta di EMERGENZA AIUTO per una situazione personale diventata ormai insopportabile ai limiti della morte. Chiedo espressamente che venga aperto un procedimento e svolta un’indagine approfondita sui fatti da me denunciati al fine di far emergere la VERITA’ e PUNIRE SEVERAMENTE i COLPEVOLI.

Le reali motivazioni e moventi che muovono l’azione criminale ai miei danni sono da verificare nella attività lavorativa di mio padre sig. R.G. nato a Palermo il ……………… e residente in Palermo, ………………., il quale dall’anno 1985 all’anno 1990 è stato uso pagare tangenti per ottenere appalti presso il carcere di Trapani (direttamente al Direttore del carcere nel 1985 a quanto mi consta) e presso l’aeroporto militare di Birgi (TP).

Più volte ho chiesto inutilmente a mio padre di dirmi quali erano le persone che potevano avere conflitti con lui tali da vendicarsi ai miei danni, ma non ha mai voluto ammettere nulla, solo ero venuta a sapere del direttore del carcere di Trapani che alla metà degli anni ’80 avrebbe preso tangenti da lui.

Dal 1991 mi accorsi di subire appostamenti da parte di individui sconosciuti che mostravano un atteggiamento ostile nei mie confronti. Il primo di questi è avvenuto nei pressi della sede dell’attività di fornitura di materiali antincendio, macchinari di lavaggi auto e utensileria anche come banco di vendita di cui mio padre era allora titolare che era sita a Palermo in via Gaetano Daita, 14.

Anche di recente e negli anni scorsi mi sono resa conto da molteplici e continuativi atteggiamenti minacciosi e molesti, che numerosi residenti o temporaneamente stanziali nella zona attorno alla mia abitazione, per quanto a mia conoscenza, di riferimento a bande criminali e di rapinatori, nei miei confronti.

Nel mese di febbraio 2012 ho dato per l’ultima volta un esame universitario (………………………….) presso ……………. Facoltà di Lettere e Filosofia di Palermo, 27/30, in precedenza anche se ero fuori-corso avevo tutti esami con la media del 30, ho sempre lavorato come precaria sin dal 2000 dato che le condizioni economiche della mia famiglia non sono più state buone dopo il fallimento dell’attività di mio padre; sin dalla primavera 2012 ho iniziato ad avere difficoltà di concentrazione e di studio; nell’estate 2012 ho verificato come anche in altre località dalla residenza, segnatamente Campofelice di Roccella (PA) dove ……………………………….. e quindi dall’ottobre – novembre del 2012 allorquando ho cominciato a subire degli attacchi con dispositivi capaci di emettere microonde (onde elettromagnetiche).

Inizialmente ho notato come venissero organizzate delle vere e proprie “ronde” durante le quali delle automobili si aggiravano intorno alla mia abitazione a Palermo, nel quartiere periferico-popolare di Cruillas-CEP durante le ore notturne e come alcune si appostassero sotto la finestra della mia stanza da letto.

Una notte due giovani intorno ai vent’anni maneggiavano un dispositivo simile ad una scatoletta di colore nero a forma di parallelepipedo con due lampeggianti che emetteva dei suoni elettronici da cui sono stata svegliata. Non appena mi sono affacciata alla finestra i due si sono allontanati velocemente. Dopo questo episodio ho cominciato a subire costantemente attacchi elettromagnetici inizialmente durante le ore notturne ed in seguito anche durante il giorno, 24 ore ininterrottamente fino al limite dello sfinimento.

Durante le suddette “ronde” ho potuto udire chiaramente un forte rumore simile a quello del motore di un jet, emesso da queste apparecchiature al momento della loro accensione. Poi ho cominciato a percepire dei forti dolori puntiformi ed una sensazione di formicolio-vibrazione e riscaldamento su varie parti del corpo, crampi e contratture sia agli arti superiori che inferiori. Ho avuto la netta sensazione di essere attaccata da fasci di microonde.

A quel punto ho cominciato a far uso di fogli di alluminio nell’intenzione di schermarmi realizzando anche dei pannelli da apporre alle finestre ed ho potuto constatare come i colpi delle microonde sull’alluminio fossero chiaramente udibili attraverso dei rumori secchi e puntiformi, indipendentemente dalle condizioni atmosferiche, a finestre chiuse e senza correnti d’aria.

Posseggo anche delle registrazioni audio in cui è possibile sentire questi rumori.

Oltre al bombardamento di fasci di onde che irradiano tutto il corpo sono stata colpita anche da raggi che sfruttano la tecnologia ad energia diretta che hanno provocato più volte effetti evidenti sul corpo come risulta da alcune foto che ho scattato.

Si tratta di onde ad alta frequenza – fino a 3.000 khz – come ho potuto costatare attraverso l’uso di un rilevatore di radiofrequenze acquistato in internet.

Il fenomeno si è poi esteso ad un attacco costante probabilmente sfruttando la tecnologia satellitare e forse attraverso l’uso delle antenne per i cellulari e per la connessione wireless.

Tra gli effetti che ho riscontrato ci sono anche ABRASIONI, ARROSSAMENTI e RASH CUTANEI sia sul viso che sul corpo, in alcuni casi sono stati accompagnati dalla presenza di una sorta di fuliggine nera che si è depositata sulla pelle e che in un caso ho raccolto con un fazzoletto di carta e che ho intenzione di fare analizzare. Altri effetti riguardano la muscolatura e gli apparati rinofaringeo e digerente. Sia gli effetti che il tipo di tecnologia usata ricordano le cosiddette armi ad “energia diretta”.

Testimoni ed informati di quanto mi è accaduto e mi sta accadendo sono stati i miei familiari la Sig.ra ……………. e il Sig. ………………. (ingegniere ………………), la sig.ra Irene Silvestri di Roma che mi ha dato ospitalità, il sig. Dorigo Paolo coordinatore della associazione Acofoinmenef cui mi sono rivolta per avere sostegno ed ospitalità, alcuni medici tra cui ……………………operante in provincia di Verona, ed altre persone. A causa di queste situazioni ho dovuto interrompere la relazione sentimentale, per me molto importante, con …………………….., che è stato mio fidanzato sin dalla fine del 1996.

Accertamenti medici hanno potuto stabilire alcuni effetti dannosi da me patiti senza che ve ne siano state accertate le cause:

1) retto-sigmoidite, refertata in data 28/02/2013 presso l’Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma, pronto soccorso (allegati n.1 – 2).

2) lombosacralgia, refertata in data 13/03/2013 presso l’Ospedale civico di Palermo, pronto soccorso (allegato n.3).

3) abrasione corneale, refertata in data 06/06/2013 presso l’Ospedale di Dolo (VE) Pronto soccorso (allegato n.4).

4) In data 16/06/2013 presso uno studio privato in Mozzecane (VR) ……………………. dr. ………….. ha riportato questa nota medica dopo aver visitato con una sonda doppler la sottoscritta: “In data odierna è stata applicata una sonda doppler …. per verificare lo stato vascolare della zona sottomandibolare e del collo anteriore. All’altezza della mastoide si è rivelato un segnale di frequenza anomala non riferito in alcun modo a segni di pulsazioni vascolari. Presumibilmente ….. da materiale elettrico d’ignota provenienza, il suono che si rivelava era …. alla velocità di 80 cicli al secondo.” (allegati n.5-6).

5) otite esterna destra e rinite, refertate in data 24/06/2013 presso l’Ospedale policlinico Paolo Giaccone di Palermo, pronto soccorso (allegato n.7).

6) eritrosi al viso, refertata in data 24/06/2013 presso l’Ospedale policlinico Paolo Giaccone di Palermo, pronto soccorso.

7) “GE arrossati, presenza di eritema che si propaga posteriormente fino al sacro, CU nei limiti CA liberi. Collo cilindrico. Non perdite atipiche. Non lo speculum portio regolare. Dermatite ? Micosi ?, si consiglia Valutazione dermatologica, esami ematochimici e sierologici”, refertata in data 9/07/2013 presso l’Ospedale dell’Angelo di Mestre (VE) (allegato n.9)

Si allegano anche prescrizioni mediche del dr……………………………… del 11-7-2013 e del dr………………………… del 5-6-2013 (allegati n.10-11).

Si allega anche n.1 CD-ROM contenente n.3 video di rilevazioni RF fatte il 30-5-2013 dalla sottoscritta insieme al sig.Paolo Dorigo (allegato n.12). Scheda tecnica dell’apparato utilizzato per le rilevazioni (Sodial DT-1130) (allegato n.13). Fotogramma di uno dei video contenuti nel CD (allegato n.14).

Si allega infine lo Statuto dell’associazione ACOFOINMENEF (dal sito web http://www.associazionevittimearmielettroniche-mentali.org) (allegati nn.15-16-17-18-19).

La sottoscritta chiede sin da ora ai sensi e per gli effetti di cui all’art.408 CP, di essere informata nella denegata ipotesi in cui si ritenesse di richiedere l’archiviazione.

Si nominano avvocati di fiducia l’Avv.Luca Piaia del foro di Treviso …………………………… e l’Avv.Paola Mariani del foro di San Benedetto del Tronto ………………………….. Si impugna ogni rinuncia e transazione.

In fede …………………..

3 thoughts on “LE ARMI INVISIBILI-CRONACA DI UN MASSACRO-LE DENUNCE

  1. Pingback: REFERTI MEDICI ANTONELLA | italiaparla-VeritàCelate

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...